Latest News | The Official AC/DC Site
  • Chi mai fermerà il treno degli AC/DC?!
    Eccovi una tellurica versione di The Jack tratta dal concerto all'EXPO di Hannover del 1° giugno.



  • Chi mai fermerà il treno degli AC/DC?! Eccovi una tellurica versione di The Jack tratta dal concerto all'EXPO di Hannover del 1° giugno.


    Und HIER könnt ihr eine Konzertkritik lesen. Ein kleiner Ausschnitt: "Heiß, heißer, Angus – trotz kühler Mai-Temperaturen. Ob das Intro von „Thunderstruck“, die Soli von „The Jack“ oder „Shook me all night long“ – Angus Young reitet teuflisch genial seine geliebte Gibson. AC/DC haben alle Modetrends überlebt."
  • La colonna sonora di Iron Man 2 firmata dagli AC/Dc dopo più di un mese dall'uscita resta salda nella top10 dei dischi più venduti in Italia!
    Questa settimana troviamo Angus e soci al decimo posto! Shake it, take it to the spot...
  • Il canale televisivo via cavo TNT ha scelto un brano degli AC/DC come sigla ufficiale dei broadcast sulle gare NASCAR.
    La scelta del network americano è caduta guardacaso su...TNT!
    Guardate il rombante video della sigla su Nascar.com!
  • Il leggendario chitarrista Carlos Santana renderà omaggio agli AC/DC nel suo nuovo disco con una cover di Back In Black in compagnia del rapper NAS.
  • Il ciclone <strong>AC/DC</strong> è passato dall'Italia e ha lasciato dietro di sé una scia di fans stremati ed esaltatissimi.

    Sul web e sulla stampa intanto si continua a parlare di Angus e soci. Su <a href="http://www.rockol.it/news-143639/Ac-Dc---Stadio-Friuli-Udine-19-05-10" target="_blank">Rockol.it </a> troverete una <strong>dettagliata recensione</strong> di tutto il concerto, completa di setlist. Eccovi invece un breve estratto di ciò che si è scritto e raccontato di quella indimenticabile serata:

    "Un vero e proprio delirio per 47.000 fan ieri sera, a Udine, nell’unica tappa italiana degli AC/DC. Il gruppo è un mito vivente del rock and roll mondiale, già avanti con l’età eppure mai così scatenati sul palco dello stadio Friuli. I biglietti erano esauriti da quattro mesi fino all’inverosimile. nemmeno i famosi bagarini hanno potuto fare qualcosa. Non c’era più spazio." (<a href="http://www.direttanews.it/2010/05/20/gli-acdc-fanno-esplodere-il-friuli/" target="_blank">Direttanews.it</a>)

    "La chitarra di Angus Young appare dal centro della pedana (35 metri che percorrerà avanti e indietro per tutto il concerto), addosso la mitica divisa da scolaretto, negli occhi e nelle mani solo l’energia del puro rock. “Grazie! Come stai Udine”, urla in italiano Brian Johnson, poi torna all’inglese per un “Noi tutti facciamo rock n roll” e parte <i>Hell Ain’t a Bad Place to Be</i>. E l’inferno non sembra proprio aver fatto tanto male agli <strong>AC/DC</strong>, dal 1973 simbolo dell’heavy granitico “made in Australia”, che dopo 200milioni di dischi venduti tornano sul palco nella formazione storica con Brian Johnson alla voce, i fondatori Angus e Malcom Young , chitarra solista e chitarra ritmica, il titanico Phil Rudd alla batteria e Cliff Williams al basso elettrico." (<a href="http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cultura_e_tempolibero/2010/20-maggio-2010/acdc-47-mila-young-compagni-1703052639796.shtml" target="_blank">CorriereDelVeneto.it</a>)

    "dal vivo come su disco gli <strong>AC/DC</strong> portano il rock'n'roll agli elementi di base, senza risparmiare un colpo.Il loro marchio di fabbrica è l'infinito repertorio di devastanti riff di chitarra.[...] Tra i momenti più alti <i>The Jack</i> introdotta da un lungo siparietto di Brian e Angus lungo la passerella, con tanto di corsa all'indietro e strette di mano al pubblico da parte di Brian e nel finale un divertente spogliarello di Angus che esibisce le sue mutande griffate ovviamente <strong>AC/DC</strong>..." (Il Piccolo)

    "La marmaglia di Sidney non si smentisce neanche in Friuli: i terribili fratelli Young (Angus il capociurma e Malcolm il secondo) sono sempre young, giovani con le loro chitarre; la voce di Brian Johnson è da trent'anni un marchio di fabbrica nonostante sia il ragazzo anziano della band; Phil Rudd non si stanca mai di suonare e così ieri sera ha festeggiato il suo cinquantaseiesimo compleanno dietro la batteria, affiancato dal precisissimo basso di Cliff Williams nella potente sezione ritmica del gruppo.
    Potenza ci pare la parola più appropriata per definire il rock degli <strong>AC/DC</strong>: un'eruzione, un'esplosione liberatoria di un suono primigenio[...]Non parliamo di liturgie, ma dell'orgoglio della semplicità, tanto che la band arriva allo stadio alle 20.10 ed entra a piedi (non in limousine come altre stelle nane!) salutando la folla, amici fra amici." (Messaggero veneto)

    "Una motrice vera, di acciaio e lamiera che ha fatto irruzione sulla scena sfondando lo schermo tra scoppi scintille e sbuffi di fumo sulle note di Rock'n'roll train [...] "Il treno è una vecchia icona blues" spiega il chitarrista Angus Young "E' come se noi salissimo alla stazione di partenza e lo spingessimo a tutta velocità verso i giorni nostri". (Gazzetta di Parma)

  • <strong>AC/DC "IRON MAN 2"</strong> da ormai un mese è nella Top10 dei dischi più venduti in Italia!

    La colonna sonora del film <strong>IRON MAN 2</strong> firmata dagli <strong>AC/DC</strong>, è al 5° posto della <a href="http://www.fimi.it/classifiche_artisti.php" target="_blank"> classifica ufficiale FIMI </a>dei dischi più venduti in Italia dopo quattro settimane dalla pubblicazione.

    Non c'è modo di fermare il treno del rock'n'roll!

  • Se ve lo siete perso oppure se volete rivivere le emozioni della serata, eccovi qualche video del concerto ad alto voltaggio che gli AC/DC hanno tenuto ieri sera allo stadio Friuli di Udine!



    Back In Black

    Hells Bells

    Assolo di Angus

    Finale

  • Rock puro, scolpito nella roccia ed emozioni ad alto voltaggio. Ieri sera a Udine, unica tappa italiana degli AC/DC, la band-icona del rock n’roll mondiale si è scatenata in uno show delirante che ha infiammato giovani e attempati, in 47 mila allo stadio Friuli.


    Ecco le prime recensioni sulle più importanti testate, stampa e web.


    “Gli Young Brothers, per nulla imborghesiti nonostante gli oltre 200 milioni di album venduti, hanno regalato ai 47.000 del Friuli il solito impatto frontale ad alta intensità emotiva e fragoroso impatto sonoro. Puro e semplice 'hard rock and roll'', un marchio di fabbrica che gli inguaribili scavezzacolli inglesi hanno scatenato senza freni inibitori.
    Le altre certezze erano quelle di un drumming vigoroso, un basso impietoso e riff chitarristici da 'hall of fame' e sono state tutte mantenute.” (Ansa)

    “Un audace cartone animato sexy-ferroviario. Le prime note di Rock n’ Roll Train. Urla, boati, corna diaboliche e luminescenti sulle teste dei fan. Una macchina scenica gigantesca, di quelle che da trenta’anni incantano i fan del rock e del metal: gli AC/DC sono tornati.
    Eccoci al cospetto di una delle più popolari e importanti band di tutti i tempi che è riuscita a inventare uno stile musicale inconfondibile, basato su un linguaggio semplice e incisivo di ispirazione blues, cantato strappato e aggressivo, testi e atteggiamenti scenici giocati sugli stereotipi della trasgressione. Il tutto proposto con quel pizzico di ironia.” (Corriere della Sera)

    “Non è solo un concerto, è molto di più. A scelta: un evento unico, un appuntamento con la storia, un sogno che si avvera, l’incontro con la band più selvaggia e longeva in circolazione. Il concerto dell’anno porta oltre 40mila persone a sgolarsi, dimenarsi, cantare in coro e indossare cornetti rossi lampeggianti per i cinque diavoletti degli Ac/Dc, inossidabile rock-band che da quattro decenni propone il suo puro, semplice e irresistibile r&r ad alta tensione e altissimo volume.
    Non ci sono troppe sorprese nello show degli Ac/Dc, e il bello è proprio ritrovarsi nei riff duri e solidi come il cemento, nelle canzoni che per quasi metà dell’intera scaletta hanno più di 30 anni (ma sembrano scritte ieri), cantare all’infinito i pezzi diventati monumenti.
    I piloni del “Friuli” tremano sotto l’ondata tellurica di Back in black, il pezzo da tre accordi più famoso della storia, inimitabile e devastante, accolto da un urlo che sovrasta i mega-watt.
    Che siano stati scritti nel 1975 o nel 2008, i pezzi spiegano perché una band di ultracinquantenni sia ancora migliore di tanti suoi epigoni odierni.” (ilgazzettino.it)

    "Sei cannoni chiudono le ostilità dopo due ore spaccate di concerto che fanno felici i fan, gli organizzatori e la TurismoFVG che ha sostenuto l'evento con l'iniziativa Music&Live e che per due giorni ha visto 'sold out' oltre allo stadio, tutti gli alberghi intorno a Udine." (Ansa)

  • Iron Man è ovunque. Ma avete mai pensato di vederlo nei panni degli attori di Hollywood nelle scene di film cult del cinema come Titanic o Dirty Dancing? Naturalmente sulle note della colonna sonora degli AC/DC… Venite a vedere!

    Dirty Dancing

    Titanic

    Harry ti presento Sally
  • Avete già visto quest'applicazione Facebook?
    Fantastica!
    Vesti i panni di Angus Young con <a href="http://apps.facebook.com/angusyourselfgb/"><b>Angus Yourself</b></a>!

  • Andate a farvi un giro con Brian a Sidney a bordo di una Rolls Royce!

Condividi contenuti